Dove si trova il Regno delle Fate?

Massicci terrapieni e colline dal sapore antico, sono le dimore tradizionali delle Fate, ed infatti il termine gaelico che indica le Fate è “Sidhe” (letteralmente “popolo delle colline”), con il quale si indica anche la Terra delle Fate, o il Mondo di Mezzo. Per molti secoli, quando ancora non si conosceva il concetto di “dimensione” e “Piano Astrale”, si è creduto che la misteriosa Terra delle Fate fosse situata in una zona geografica fisica, avendo tuttavia il potere di muoversi o scomparire, in base ai desideri o le necessità degli Esseri Fatati.

I Gallesi credevano che fosse collocata a Nord delle loro terre montuose e, più tardi, nella penisola occidentale del Pembrokeshire, una terra assai impervia e velata da fumose nebbie. Per gli Irlandesi l’isola fantasma (da essi chiamata Hy Brazil) si trovava ad Ovest, mentre per i Britanni l’isola fantastica dove dimorava il Piccolo Popolo era l’Isola di Man.

Al largo della coste del Galles, per giunta, si dice che talvolta sia possibile scorgere i “Verdi Prati dell’Incanto”, una verde terra che si trova appena sotto la superficie del mare, ma ricoperta da vaste distese erbose, fiori coloratissimi ed alberi immensi. Anche numerosi laghi del Galles proteggono le dimore fatate, nascondendole all’occhio umano, come nel caso della Dama del Lago, dove la superficie cristallina del lago è puramente un’illusione, al fine di proteggere l’ingresso dell’isola, la più magica di tutte, Isola di Avalon.

Il Regno Fatato, tecnicamente non si trova sulla Terra, bensì in un’altra dimensione dove le leggi spaziotemporali sono differenti da quelle umane. Tuttavia, esistono luoghi naturali che ne facilitano l’ingresso, ma per essere ammessi è necessario avere determinati requisiti d’animo, come ad esempio cuore aperto e leggerezza, ma soprattutto nessun doppio fine che vada a contaminare la loro delicata dimensione.

In questa dimensione, che noi comunemente chiamiamo Piano Astrale, il tempo si dilata e si contrae indefinitamente: pochi minuti di danza nel Cerchio delle Fate, potrebbero al contrario rivelarsi degli anni, mentre ad alcuni è accaduto di rimanere intrappolato nella dimensione delle Fate, convinto di esserne stato prigioniero per anni, quando invece è stato via per qualche ora.

La dimensione feerica, in sostanza il Piano Astrale è quella dimensione sottile dove si manifestano i nostri sentimenti e le nostre emozioni, è intangibile e dunque è quanto di più vicino possa esserci al Regno dello Spirito. Splendido, coloratissimo e a dir poco luminoso, costituito da paesaggi di una bellezza inenarrabile, oltremodo fantastica, il Regno Fatato può pertanto trasformarsi in un incubo, in un posto terrificante se colui che lo visita è dominato da pensieri oscuri, indole distruttiva, violenza ed egoismo: nel loro mondo, gli Esseri Fatati restituiscono all’Essere Umano i suoi stati d’animo e sentimenti amplificati, dando loro forma e sostanza. Solamente con la purezza nel cuore, sarete i benvenuti nel Regno di Luce.

Il Regno delle Fate può quindi trovarsi ovunque o in nessun posto, può svelarsi all’improvviso ai nostri occhi ma solo quando il nostro cuore resta puro come quello di un bambino. Ed è per questo che per gli adulti resta più difficile vederlo, è più difficile che una Fata si manifesti sul Piano Fisico, o più esattamente si faccia vedere da noi. A volte capita per errore e a volte si fanno vedere veramente, ma non tutti ne siamo in grado.

Perciò, quando un bambino dice di aver visto una Fata, o il suo Regno luminoso e scintillante, non sempre corrisponde alle sue fantasie. E comunque non bisogna soffocare le sue credenze, screditare le sue convinzioni, perché probabilmente le vede davvero. Quindi, uniformandosi con le idee degli adulti, si abituerà a non vedere e, da grande, dimenticherà persino di averlo fatto.

Non bisogna distruggere i sogni di un bambino perché si distruggeranno i sogni dell’uomo di domani, dato che si sentirà un folle e dunque reietto dalla società. Del resto, con le moderne tecnologie si riesce ormai a catturare anche “l’invisibile”, qualcosa c’è e si riesce a vedere, o intravedere… altrimenti non esisterebbe neanche l’anima, gli Angeli, saremmo tutti dei pazzi.

Share Button

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 19 gennaio 2017

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

4218
05:57
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright