Dopo 1200 anni emerge dagli abissi la città di Thonis, e la leggenda non è più leggenda

Non bisogna mai dubitare delle leggende, perché da un momento all’altro possono riemergere reperti, perfino intere città, che ne confermano il fondamento storico. Che in pratica, non sono soltanto leggende.

La città egizia di Heracleion, meglio conosciuta come Thonis, si trovava accanto alla città di Alessandria ed era il luogo in cui Paride ed Elena si rifugiarono per fuggire da Menelao. Vi dimorò anche Ercole, l’Eracle dei Greci che secondo la mitologia dovette superare le 12 fatiche per espiare l’assassinio della sua famiglia, su indicazione dell’Oracolo di Delfi. Il nome Heracleion proveniva probabilmente da lui.

A Thonis si celebrava il Mito di Osiride, il Dio della Morte e dell’Oltretomba, e più tardi il culto di Amon, la principale Divinità Egizia accomunata a Ra, Dio del Sole. Era il principale porto egiziano per il commercio e la riscossione delle imposte.

Rimasta sepolta per più di 1200 anni nella baia di Abukir (Egitto), a circa 3 km dalla costa, Thonis/Heracleion – che anticamente si pensava fossero due città distinte – era il porto più importante d’Egitto e si trovava su una delle isole nel Delta del Nilo, dove si ergeva un enorme tempio dedicato a Khonsu (Eracle per i Greci), semidio figlio di Zeus, padre degli Dèi. La città affondò per via di qualche cataclisma, come terremoti o inondazioni, e le sue rovine furono avvistate per la prima volta nel 2000, da un archeologo francese che fece questa stupefacente scoperta.

Fu una leggenda che divenne realtà, perché prima di quel tempo se ne possedevano soltanto fonti letterarie e mitologiche, senza nulla di concreto sulla sua effettiva esistenza, quindi è un importante ritrovamento archeologico ma più di tutto storico. I reperti già portati alla luce sono stati esibiti al British Museum e sono un qualcosa di spettacolare.

Secondo l’archeologo francese Franck Goddio, responsabile della scoperta, abbiamo trovato soltanto il 5% delle città sottomarine, quindi là fuori, o là sotto, ci aspettano ancora innumerevoli cose da scoprire, da sapere sulla storia umana, che in definitiva ci viene anticipata dalle leggende. Il fatto che non le abbiamo mai viste non significa che non esistevano, infatti siamo troppo legati al cosiddetto “vedere per credere”, e molto spesso siamo noi a non voler vedere, e sapere la verità.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 29 luglio 2016

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

11609
10:47
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi