Angel Cats ★ I gatti cinesi con le ali

Chiunque direbbe che si tratta di animali mitologici, come una specie di Chimera felina, eppure questi animali esistono realmente e fanno parte di una razza che si è spontaneamente sviluppata in Cina, la quale ne fornisce una ricca varietà, specialmente nella regione dello Sichuan. Non si tratta di una leggenda metropolitana ma è tutto, straordinariamente vero.

Gatti magici che vengono paragonati agli Angeli (forse perché l’aspetto piumoso li ricorda particolarmente), questi specialissimi felini sembrano direttamente usciti da un libro di fiabe, e si stanno riproducendo in numerosi esemplari, giacché risulta che siano molto ambiti dalle gatte femmine che li rincorrono, mentre loro, ironicamente parlando, volano via! La particolarità infatti, è che tutti gli esemplari finora analizzati siano dei maschi, quindi presumibilmente è una tipica caratteristica maschile.

Più che delle ali vere e proprie, però, sarebbero delle protuberanze ossee che si sono successivamente ricoperte di pelo, e infatti questi gatti alati non volano, non tecnicamente almeno… Visitati da diversi veterinari, dal punto di vista scientifico essi non hanno saputo spiegare il fenomeno, limitandosi ad imputarlo ad un difetto genetico, probabilmente dovuto all’inquinamento o al clima afoso delle zone cinesi dove questi felini hanno sviluppato simili protuberanze, anche se ci viene da chiederci, cosa mai c’entrerebbe il caldo con le “ali”?

Ad ogni modo, pare che quelli cinesi non siano i primi gatti alati ma che altri casi siano stati registrati in Russia, Stati Uniti e Turchia (un 200 circa), tutti di razza diversa, pertanto è più plausibile la teoria che siano il risultato di una mutazione genetica, anche perché non nascono direttamente con le ali, bensì esse spuntano e crescono quando l’animale raggiunge l’età adulta. Questo si è potuto appurarlo dal gatto alato di Chongqing (Cina), un gatto domestico che è nato normale, e dopo un anno il suo proprietario gli ha visto spuntare le ali, che peraltro con il tempo sono diventate piuttosto grandi.

Inoltre, pare che notizie su questa specie compaiano addirittura dal 1926, e fu proprio il Time a riportarla, benché la spiegazione allora riportata parlasse di astenia cutanea, un difetto della pelle che, con il pelo impastato attorno, dava l’impressione che questi animali avessero le ali. Il primo caso documentato, invece, risale al 1842 (Henry Thoreau, USA), quando un esemplare fu avvistato durante una battuta di caccia.

Un detto ci dice: “Se i gatti avessero le ali non si limiterebbero ad essere uccelli, ma sarebbero degli Angeli”. E infatti, da sempre considerato animale magico, quando è venuto fuori questo eccezionale esemplare, certe zone della Cina sono state letteralmente invase, per vedere di persona la “divinità” del fenomeno.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 21 marzo 2016

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

6579
01:35
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi