Come incontrare il Bambino Interiore

★ Guarire il Bambino Interiore ★

Si parla spesso dell’importanza del nostro bambino interiore, ma a parte l’aspetto funzionale e romantico che ci consente di vivere con più leggerezza e dunque più serenamente, si può dire che è indispensabile per ritrovare un equilibrio interiore, mettere d’accordo passato e presente, maturità e fanciullezza, così che convivano e coesistano in modo armonioso e appunto equilibrato.

Questo aspetto incide sulla nostra vita e sui nostri rapporti da persone adulte, poiché a volte si prende una data situazione troppo sul serio, una situazione che invece potrebbe essere considerata irrilevante, e si corre così il rischio di invecchiare precocemente, interiormente e di conseguenza ciò si ripercuote all’esterno, a livello fisico e salutare.

Riprendere a giocare, ad ammirare un arcobaleno con gli occhi di un bambino, stupirsi delle meraviglie del mondo che lo circonda, essere attratto dalla novità e dal gioco, gioire per un dono che potrebbe essere una sciocchezza ma che ad un bimbo sembrerebbe la Luna, tutto questo renderebbe l’adulto più sollevato dai suoi oneri e doveri, dalla pesantezza della vita quotidiana. Alzerebbe le sue difese immunitarie e il suo volto diventerebbe più bello, disteso, riprendendo la giovinezza nei tratti appesantiti dalla maturità soprattutto mentale, la quale molto spesso può diventare una trappola da cui è faticosissimo uscire.

Certo è giusto prendersi le proprie responsabilità, con serietà e coscienza, nessuno lo mette in dubbio, ma ci sono momenti in cui si dovrebbe necessariamente staccare la spina, anche per non diventar matti, e se questo può essere rappresentato da una bella vacanza, il problema ritornerà sempre a monte perché sarà stata solo una vacanza, e invece deve diventare un qualcosa di permanente. Una vacanza da noi stessi.

L’ego si sa, non è una di quelle trappole in cui ci si augura di restare imprigionati, ma senza saperlo accade molto di frequente, non ce ne rendiamo conto perché è estremamente acuto, del resto è stato programmato così, è come una macchina: non si può dire che è perfetta ma quasi. I suoi meccanismi di difesa sono ben oliati, e se non possiamo combatterlo possiamo quantomeno aggirarlo, quietarlo, farlo tacere. O più che altro non ascoltarlo.

Ci sono svariati esercizi per guarire il bambino interiore, ma un buon metodo per chiudere il nostro canale uditivo direttamente collegato con l’ego è la meditazione. Anzi, forse è uno dei metodi più funzionanti, perché se comunque esso può tormentarci per 23 ore al giorno, anche nel sonno, quell’oretta che dedicheremo quotidianamente alla meditazione non sarà una cosa da nulla, dato che riusciremo a sentire il nostro Sé interiore e dunque anche quel bimbo “nascosto”.

Per quell’oretta staccheremo la spina, e ciò toglierà continuità all’asservimento dell’ego che perderà terreno e potremo dunque respirare un pochino, impedendogli di torturarci con i suoi mille e ripetuti voli pindariciCostanza e abitudine sono fondamentali, decisamente efficaci. E, giorno dopo giorno riprenderemo padronanza delle nostre emozioni, dei nostri occhi di bambino. Riprenderemo in mano la nostra vita.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 24 novembre 2015

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

8563
14:14
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi