Come sarà l’Uomo del Futuro? Ecco come cambierà il nostro corpo

Alcuni scienziati sostengono che diventeremo più alti, più belli, perfetti, che diventeremo dei superuomini… avremo dei poteri superiori, e non come quelli di adesso che, in fondo, sono soltanto un riflesso. Sono superpoteri che ci derivano dalla tecnologia, la quale ci permette di osare, di andare oltre le nostre normali capacità.

La cosa sicura, comunque, è che ci saremo ancora (anche se non tutti gli studiosi sono d’accordo), giacché in base a studi effettuati su reperti fossili, si è giunti alla conclusione che i mammiferi possono sopravvivere ben 1 milione di anni, quindi anche per l’Uomo non dovrebbe essere differente. Ad ogni modo, il quotidiano “The Sun” non costruisce un’immagine tanto edificante di noi, di noi nel futuro, che fisicamente saremo poco armonici, specialmente in volto, come dei mostri alti, senza capelli e con la gobba.

Ma questo perché? Semplicemente perché useremo altri sensi per comunicare, infatti la bocca sarà notevolmente più piccola e con pochi denti, visto che non ci servirà molto per parlare, bensì principalmente per mangiare (in prevalenza liquidi e pillole), mentre avremo gli occhi molto più grandi, in quanto la comunicazione si baserà soprattutto sull’espressività degli occhi e la mimica facciale, magari anche con la telepatia.

Insomma ci capiremo al solo guardarci, senza contare la comunicazione attraverso i sempre più sofisticati strumenti tecnologici, che al giorno d’oggi sono rappresentati da Internet e dal telefono cellulare, diventato oramai un piccolo computer portatile. Gli arti, poi, saranno più sensibili e sviluppati, in special modo le dita, proprio per favorire le esigenze della tecnologia.

Secondo questa descrizione, saremmo straordinariamente simili agli alieni, i cosiddetti Grigi, infatti c’è chi ha ironizzato sulla questione, dicendo che gli extraterrestri siamo noi del futuro che viaggiamo nel tempo. Anche per il fatto che peli e capelli andranno man mano scomparendo, saremo glabri su tutto il corpo.

Identikit del quotidiano "The Sun"

Identikit del quotidiano “The Sun”

Comunque, in conclusione, parleremo con le mani e con gli occhi. Una cosa che però, non capiamo, è come mai il nostro cervello diventerà più piccolo… è che non lo useremo abbastanza? Forse si atrofizzerà perché ci affideremo sempre più all’intelligenza artificiale, lasciando fare tutto il lavoro ai computer, tuttavia le teorie restano controverse. C’è chi sostiene che siamo noi il risultato finale dell’evoluzione umana, e che rimarremo così per sempre, almeno finché non distruggeremo il pianeta in cui viviamo…

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 20 maggio 2017

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

2550
06:48
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi