Il Libro dei Guinness e le cose incredibili che riesce a fare l’Uomo

Spesso ci si chiede se esistono le qualità extraumane, ossia quelle qualità particolari, ed uniche, che non tutti gli Esseri Umani possiedono. Esistono, certo, ma solo in parte, perché al resto ci pensano l’impegno e l’allenamento, anche massacrante, al fine di rendere un talento veramente straordinario.

Alcune cose che riescono a fare gli Esseri Umani, infatti, sono da Guinness dei Primati, altre invece sono talmente incredibili che ci si chiede automaticamente se questi individui non siano dotati di queste capacità extraumane. È vero che con l’allenamento e la dura pratica si possono raggiungere risultati miracolosi ma, oltre ad una buona dose di incoscienza e di talento, non è sicuro che le loro siano qualità esclusivamente umane.

L’unica cosa sicura, è che hanno la particolare dote di sfruttare le leggi della Fisica a loro vantaggio. Si parla anche di fortuna, di sfidare la sorte, del bisogno irrefrenabile di sentire l’adrenalina, il che batte certamente qualsiasi paura e stimola a fare di più, a fare sempre meglio. A oltrepassare il limite.

Il Libro dei Guinness dei Primati, che viene aggiornato a cadenza annuale, si riferisce proprio a questo. In esso vengono documentati tutti i casi in cui un Essere Umano risulta fuori dalla norma, sia a livello fisico che in base alle incredibili capacità, più o meno autonomamente sviluppate, che possiede.

Questa sorta di almanacco nacque nel 1955 da un’idea di Hugh Beaver, amministratore di una delle birrerie che producevano la birra Guinness (a Dublino), da cui ha ripreso il nome. L’idea si generò in uno di quei momenti casuali, in cui la classica lampadina si accende e diventa strepitosa, epocale, un’idea così semplice da diventare geniale.

Accadde infatti, che dopo una battuta di caccia alla volpe, insorse l’interrogativo sulla particolare velocità di un tipo di uccello, il piviere dorato, domandandosi se quello non fosse l’uccello più veloce del mondo. Il dibattito che si accese fu lungo e non privo di ipotesi tra le più inverosimili, quindi Sir Hugh pensò bene che si trattasse di un qualcosa di assai ricorrente.

Egli prese dunque la decisione di creare una sorta di registro per raccogliere tutti i record del mondo, al fine di soddisfare la curiosità di coloro che desideravano sapere chi fosse il migliore in una determinata attitudine o categoria. E fu un successo memorabile.

Ad oggi, quello dei Guinness è il libro più venduto al mondo (dopo il Corano e la Bibbia), ed è stato tradotto in ben 37 lingue. È diventato inoltre una popolare trasmissione televisiva, in altrettanti paesi, il Guinness World Records che ogni anno ci mostra questi incredibili uomini con poteri straordinari.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 23 febbraio 2017

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

1691
09:16
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi