Rana vendicatrice: attacca la tecnologia che l’ha presa in giro

Vero è che i dispositivi moderni sono diventati visibili da ogni forma animale, quando un tempo la tecnologia grafica era percepibile soltanto dall’occhio umano. Capita di frequente, oggigiorno, di vedere gatti o cani che si mettono davanti alla Tv, a guardare le immagini che scorrono sullo schermo, volendoci addirittura giocare se compare qualche fotogramma piuttosto movimentato, e ci riconoscono nientemeno la figura di un altro animale.

Qui pertanto entra in ballo anche l’intelligenza, perché un conto è vedere una figura che si muove, mentre è davvero stupefacente che questa rana distingua che siano proprio degli insetti, succulento banchetto di formichine, a scorrere sullo schermo del telefonino. E stiamo parlando di una rana…

Poi, come se non fosse abbastanza, questa rana si rende persino conto di essere stata presa in giro, seppur bonariamente, a tal punto che si vendica con il ragazzo e la stessa tecnologia che l’ha ingannata, attraverso un bel morso con i fiocchi alla mano che gli ha sfacciatamente fornito la sgradita trappola. Insomma, forse l’animale aveva seriamente fame e non ha tanto gradito il tiro mancino.

Un’altra cosa sensazionale, non da poco, è l’atteggiamento “domestico” di questo anfibio, di come se ne stia tranquillo tranquillo sulla scrivania, a suo completo agio, senza nessun timore della vicinanza umana e del dispositivo mobile che, per la sua specie, dovrebbe rappresentare una presenza aliena, una cosa da cui certamente diffidare.

Questo, in effetti, potrebbe essere un altro esempio di come gli animali possano diventare domestici grazie alla vicinanza dell’uomo, che in un modo o in un altro li cresce come parte della famiglia e l’animale si adatta così bene da diventarlo per davvero. Quindi animali come topi, uccellini, anche anfibi a questo punto, possono diventare delle vere rivelazioni, accrescendo sempre più il campo degli affetti umano.

Cosa diversa, però, sarebbe stringere tale rapporto con un rettile, lì infatti se ne sconsiglia altamente persino il pensiero, giacché sono gli unici, a come pare, a non riuscire ad adattarsi all’uomo. Crescendo, mantengono comunque la loro natura assassina e sicuramente poco umana, anche se adottati da piccoli, tant’è che se ne sentono continuamente di notizie del genere, di persone stritolate nel sonno dai loro pseudo-amici a sangue freddo.

Or dunque, non tutti gli animali si prestano, però è straordinario come delle razze improbabili possano diventare delle fantastiche amiche con cui ci si può veramente divertire, diventano delle giocherellone e si fanno anche rispettare, in caso, proprio come questa rana che, francamente, aveva tutto il diritto di risentirsi. Il cibo è una cosa seria, e non ci si scherza neanche per loro.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 25 novembre 2015

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

7110
00:26
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi