Ritrovate le ossa dei Nephilim, i Giganti che vissero prima del Diluvio Universale

Gli Angeli Caduti erano davvero dei giganti? O invece erano i loro figli? Questo è un dubbio che tuttora permane, mentre la teoria che gli Anunnaki fossero dei giganti è più che accertata, grazie alle tavolette sumeriche che ne testimoniano ampiamente l’esistenza.

Religione e Scienza scarsamente riescono ad incontrarsi, o quantomeno ad andare d’accordo, a cominciare da Darwin e la sua teoria sull’evoluzione umana che certamente litiga con la dottrina religiosa, che ci insegna la Creazione di Dio parlandoci dell’Eden, Adamo ed Eva e il serpente tentatore.

Questa volta però, sembra che l’Archeologia abbia dato conferma ad alcuni passi della Genesi, attraverso diversi ritrovamenti di giganteschi scheletri di ossa umane, in varie parti del mondo. Ufficialmente, la Scienza sostiene siano un incrocio tra l’Homo sapiens e l’Uomo di Neanderthal, tuttavia è probabile che non ci credano neanche gli scienziati, vista l’altezza spropositata di questi esseri che fisiognomicamente sono del tutto identici alla razza umana.

Secondo la Bibbia, un centinaio di anni (o più) prima del Diluvio Universale, comparvero sulla Terra dei giganti, chiamati “Nephilim”, ovvero Titani. Questi esseri dalle dimensioni gigantesche erano degli ibridi, una sorta di semidei, in quanto nacquero dall’unione tra gli Angeli Caduti (figli di Dio) e le donne terrene (figlie degli Uomini), ed abitavano nella Terra di Canaan.

Sempre secondo la Bibbia, i Nephilim (chiamati in seguito “I potenti dell’antichità”) non furono immediatamente dei giganti ma lo divennero con il tempo, straordinariamente forti e sempre più alti, diventando contemporaneamente malvagi e prepotenti, addirittura depravati, e dominarono su tutta la Terra con assoluta dissolutezza. Giunse così il Diluvio Universale (2370 a.C.), pare infatti che sia stato messo in atto da Dio proprio per spazzare via questa razza dalla Terra, con l’aiuto di Noè.

Gli Angeli Caduti si spogliarono dei loro corpi per ritornare nella dimensione spirituale, impossibilitati a riprendere sembianze umane, e lasciarono sulla Terra le loro mogli terrene e i loro giganteschi figli, che annegarono insieme a tutto il resto dell’Umanità. Leggenda o favola, resta il fatto che questi scheletri sono reali, e se non sono i giganti biblici, è anche probabile che si tratti degli Anunnaki, sebbene non sia stata registrata una motivazione specifica che li abbia condotti alla morte, visto che secondo i Sumeri sono tornati sul loro pianeta, Nibiru, e quelli rimasti sono stati messi in uno stato di ipersonno, in luoghi segreti sparsi per la Terra.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 1 agosto 2016

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

30067
03:57
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi