Sirena al largo delle coste della Grecia ★ Foto e Testimonianze

Secondo alcune fonti, questa volta una Sirena sarebbe apparsa al largo delle coste greche, e non ci riesce difficile crederlo perché in questa occasione, al contrario di innumerevoli altre, l’immagine non è unica, bensì diversi sono gli scatti di questo avvistamento.

Colui che ha scattato le foto, un pescatore che si trovava a solcare quel tratto di mare incontaminato, ancora selvaggio e poco trafficato, è rimasto impressionato quando ha scorto l’ombra di un’indefinibile figura che si aggirava intorno all’imbarcazione, restandoci per circa 2/3 minuti. Sembrata inizialmente un delfino, giacché nuotava come questo animale, veloce e armoniosa tra le acque, in seguito questa creatura ha mostrato distintamente due arti superiori, come delle braccia, e quella che sembrava una chioma, mentre nuotava serpentina sotto la superficie dell’acqua.

Il fatto è avvenuto nel 2014 ma ancora se ne parla, evidentemente non si è potuto riconoscere con esattezza il tipo di animale ritratto in quelle foto. L’avvistamento è avvenuto ad Oia, un’isola nella parte meridionale della Grecia, che si affaccia sul Mar Egeo, il quale offre in quella particolare zona, un folto sistema di isole e grotte sottomarine, quindi rappresenterebbe un habitat ideale, sicuro e ben riparato, per la sopravvivenza delle Sirene.

Raramente la zona è stata esplorata, tuttavia numerose sono le segnalazioni da parte degli abitanti di quelle isole, che dicono di aver visto molto spesso le Sirene, a tal punto che questa magica figura è entrata nel folklore locale. Del resto il mito delle Sirene è nato proprio in Grecia, perciò in sostanza non dovrebbe stupire, visto che le leggende hanno sempre un fondo di verità, anche se poi vengono arricchite di dettagli per suscitare clamore, attrattiva, correre sulle linee del tempo senza estinguersi nei secoli.

In particolare, non è difficile scorgere qualche insolita creatura proprio ad Oia, infatti sono in molti, soprattutto pescatori, che le vedono avvicinarsi furtive al molo, dando vita a storie e racconti che in definitiva rappresentano reali testimonianze. Allora, magari, possiamo aspettarci altri documenti fotografici o persino delle registrazioni, sempre che queste Sirene si prestino, giacché saranno sicuramente molto furbe e attente, viste le manie umane di studiare e sezionare qualsiasi cosa che capiti a tiro, quindi è probabile che si mostrino per qualche attimo senza dare la possibilità di documentarne la presenza, scongiurando il rischio di essere catturate e di passare dei gran brutti momenti, nelle mani sconsiderate degli uomini.

Tuttavia, quel poco che ci arriva potrebbe già darci qualche prova sulla loro esistenza, in modo che possano uscire dalla nostra fantasia e diventare finalmente libere di vivere tranquille nei nostri mari, che in passato probabilmente pullulavano di esseri crudeli e senza scrupoli, che hanno fatto loro del male serio e dunque sono restie a ripetere l’errore, di mostrarsi amichevoli e bendisposte verso un potenziale carnefice.

I tempi sono cambiati, e fortunatamente col tempo è andata scemando anche l’ignoranza, ma d’altronde le brutte esperienze lasciano un trauma, incisive ferite che insegnano, e tali insegnamenti si tramandano di generazione in generazione, anche attraverso il DNA, facendone tesoro per garantire la sopravvivenza della specie.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 12 dicembre 2015

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

48157
01:04
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright