Strada dell’Atlantico ★ La strada più pericolosa del mondo

Si trova in Norvegia, è lunga più di 8 km ed attraversa l’Oceano Atlantico. Viene chiamata “The Atlantic Road” (nome originale Atlanterhavsveien), ed è diventata una strada molto popolare per i turisti che visitano la costa nord-occidentale della Norvegia, in quanto è ricca di piazzole di sosta panoramiche e vi si pratica una pesca eccellente. Unisce le città norvegesi di Kristiansund e Molde, e nei suoi anfratti ospita una moltitudine di relitti.

Eletta la “Costruzione norvegese del secolo”, nonché la strada più pericolosa del mondo, i lavori di costruzione iniziarono nel 1983 e terminarono nel 1989, coinvolgendo una miriade di scogli ed isolotti, e sebbene il progetto iniziale prevedesse di costruire una linea ferroviaria, i costi superavano di molto il budget e quindi si decise di farne una strada. I costi salirono alle stelle comunque, infatti dopo l’inaugurazione fu introdotto il pagamento di un pedaggio, che tuttavia fu revocato nel 1999, una volta che si ricoprirono totalmente i costi.

La pericolosità del percorso non sta tanto nella struttura e l’ubicazione, quanto piuttosto nelle condizioni climatiche che possono cambiare da un momento all’altro, per via dei forti venti e le prorompenti mareggiate che vanno ad invadere il percorso, rendendo talvolta impossibile la guida con la quasi certa eventualità di perdere il controllo del veicolo su strada. Eppure, nonostante le ripetute lamentele della gente del posto che preme affinché la struttura venga resa più sicura, il celebre quotidiano britannico “The Guardian” l’ha citata in uno dei suoi articoli, ritenendola “il miglior viaggio su strada”, un perfetto connubio tra Natura selvaggia ed architettura.

Le scene sono state riprese il giorno dopo che la tempesta “Dagmar” ha colpito la costa, causando ingentissimi danni alla Norvegia, per un totale stimato di 35 milioni di euro. Così devastante che le fu addirittura dato un nome, alla stregua degli uragani tropicali, un nome norreno che significherebbe “la gloria del giorno”.

Il potente fenomeno atmosferico si abbatté sulla Scandinavia nel Natale del 2011, con un vento che tirava fino a 200 km/h e fu registrata come la peggior tempesta degli ultimi trent’anni. Centomila furono le abitazioni che restarono senza gas e senza luce, insomma fu un Natale da non ricordare, anche se i Norvegesi di certo, non lo dimenticheranno tanto presto.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 13 luglio 2016

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

11459
06:59
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi