Neonato miracoloso, nato di 19 settimane è diventato simbolo contro l’aborto

Piccolo neonato miracoloso che, in via del tutto incredibile, è venuto alla luce alla tenerissima età di neanche cinque mesi. Miracoloso, perché con la sua storia ha contribuito a salvare tante altre piccole vite, ma anche perché è nato vivo e quasi completamente formato, considerando che, sotto i sei mesi, la creatura umana non è ancora sufficientemente formata, o comunque non ha tutti gli attributi giusti per sopravvivere alla luce, al di fuori del grembo materno che le fornisce tutto quello che le è necessario per crescere e sopravvivere.

Il fatto che sia nato vivo ha lasciato un profondo segno nei genitori, soprattutto nella madre che ha visto scivolare in un attimo la vita del suo bambino, del tutto impotente, dato che neanche l’aiuto di un’incubatrice sarebbe stato sufficiente per un bimbo talmente prematuro. Solo un caso, che può dirsi più unico che raro, è avvenuto con il piccolo Davi, che è nato di circa 4 mesi ed è miracolosamente sopravvissuto, sebbene abbia patito un autentico inferno nei suoi primi mesi di vita.

Il piccolo Walter, così è stato chiamato questo angioletto che è volato direttamente in cielo, nacque il 14 giugno del 2013, presso l’ospedale di Kokomo in Indiana (Stati Uniti), ed è rimasto in vita solamente per pochi minuti. I genitori però hanno avuto il tempo di abbracciarlo e sentire la vita che scorreva dentro di lui.

Sono queste le vere tragedie, le vite stroncate, le vite separate alla nascita, eppure la madre ha provato ugualmente un po’ di felicità, solo perché ha potuto sentire il suo cuoricino battere, accanto al suo cuore. L’Amore di una madre, è vero Amore.

Un evento straordinario, a dir poco commovente e significativo, poiché grazie a questa tristissima esperienza, alle foto che sono state volutamente divulgate dai genitori, è stato possibile sensibilizzare numerose donne che sono venute a conoscenza della toccante vicenda, le quali erano in procinto di abortire e, invece, hanno rinunciato al tremendo gesto. Un messaggio visivo che valeva più di mille parole.

Walter Joshua Fretz è diventato il simbolo contro l’aborto, suo malgrado, ma se potesse sapere di aver salvato altre piccole vite, nonché della commozione che ha generato in ogni cuore, in ogni parte del mondo, di sicuro sarebbe felice di questo suo sacrificio, benché non coscientemente voluto. In fin dei conti, a dispetto dell’immenso dolore il suo sacrificio non è stato vano, e forse era proprio il suo compito, in questa brevissima vita, una missione divina che Dio stesso gli ha affidato, durante quei pochissimi istanti che ha potuto respirare nel mondo.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 2 agosto 2016

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

103304
01:37
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi