Il cane che tentò di salvare il suo amico investito da un’auto

Dove può arrivare l’amore di un cane? Ecco, questa vicenda può rispondere eccellentemente alla domanda, ed anche far capire che gli animali hanno un’anima, un cuore, provano sentimenti come noi.

Questo filmato è stato girato da un tassista a Città del Messico, ed ha fatto il giro delle Tv locali e nazionali per sensibilizzare gli automobilisti che non hanno rispetto per cani o gatti che attraversano la strada. Infatti, in questa circostanza un cane era stato investito ed ucciso da un’auto, mentre era in compagnia di un altro cane, evidentemente un suo caro amico, perché dopo l’incidente quest’ultimo ha tentato di rianimarlo, di trascinarlo via dalla strada per proteggerlo. Ma era troppo tardi, il suo amico era già morto. Una scena straziante, che deve assolutamente far riflettere.

Tutto è avvenuto in un attimo, i due cani stavano attraversando la strada trafficata e, mentre il primo era già arrivato al marciapiede, il secondo è stato colpito ed è morto sul colpo. L’auto incriminata non ha fatto un piega, non ha neanche rallentato ed anzi il conducente ha continuato dritto per la sua strada, come se nulla fosse.

Serrano Madera, il tassista quarantaduenne che ha assistito all’incidente, subito si è fermato perché non sapeva se il cane si sarebbe rialzato e quindi gli sarebbe passato davanti. Dopo pochi secondi, ha visto arrivare l’altro cane, che ancora scodinzolava senza essere cosciente della tragedia, convinto che il suo amico stesse giocando.

Inizialmente lo mordeva e gli girava attorno serenamente, poi ha compreso che non stava bene e quindi ha tentato di aiutarlo finché, pian piano, non si è reso conto che non c’era più nulla da fare, il suo amico non si sarebbe più svegliato. Si è accasciato accanto a lui, orecchie basse e sguardo implorante, chiedendo tacitamente aiuto intorno a lui.

Noi non sappiamo cosa pensano gli animali in questo caso, se l’istinto di cui sono dotati fornisce loro anche la consapevolezza della morte, tuttavia capiscono certamente che è finita, se un corpo non reagisce a nulla, se non si muove più. Del resto sono predatori e sanno perfettamente quando privano una preda della propria vita.

La vera tragedia, comunque, è che nessuno si è fermato a soccorrerli, né i pedoni né i conducenti dei veicoli, senza contare l’incidente in sé, li hanno lasciati lì, in mezzo alla strada come una cosa da niente. Francamente anche quel tassista avrebbe potuto far qualcosa, anziché starsene tutti quei minuti a riprendere la scena.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 14 luglio 2016

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

18128
03:10
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi