Le Fate di John Hyatt, primi documenti fotografici sull’esistenza delle Fate

★ Prove dell’esistenza delle Fate ★

Secondo il professor John Hyatt, le Fate esistono davvero, e ne ha dato la dimostrazione mostrando alcune foto che ha scattato nella Valle di Rossendale (Lancashire, Inghilterra), da sempre considerata un luogo magico e spettacolare della Natura. Egli ha assicurato che queste immagini non sono né false, né manipolate o alterate in alcun modo, anzi, le prime foto che scattò, mentre stava cercando di catturare un tramonto, non gli diedero tanto la certezza di questa sua ipotesi. Infatti, successivamente scattò delle fotografie anche a zanzare e moscerini, per esserne sicuro, laddove notò subito che l’aspetto era differente.

Il Professor Hyatt (1961) è un docente universitario e ricercatore molto conosciuto (oltre che direttore del MIRIAD, il Manchester Institute for Research and Innovation in Art and Design, presso la Manchester Metropolitan University), quindi si suppone che dichiari il vero, altrimenti la sua carriera, come il suo lavoro, sarebbe seriamente compromessa. Ovviamente potrebbe trattarsi di un sistema per farsi pubblicità, tuttavia, se egli crede che la creaturine alate che ha fotografato siano Fate, non vuole convincerne assolutamente. Lui dichiara di aver semplicemente scattato queste foto e le ha puramente mostrate al mondo.

Secondo il suo giudizio, saranno le persone a decidere quello che vedono, però egli desidera che la gente si avvicini a determinati argomenti con la mente aperta, in quanto ritiene che questa sia la tipica situazione in cui bisogna credere per vedere. Semplicemente, alcune persone riescono a vedere quello che agli altri è invisibile.

«È stato un po’ uno shock quando le ho viste per la prima volta» racconta il Dott. Hyatt. «In seguito ho scattato fotografie a mosche e moscerini e semplicemente non hanno lo stesso aspetto. Le persone possono decidere da sole quello che vedono nelle immagini. Il messaggio che vorrei dare alla gente è di avvicinarsi a loro con la mente aperta. Penso che sia una di quelle situazioni in cui è necessario credere per vedere. Molte persone che le hanno viste, dicono che hanno portato un po’ di magia nella loro vita…»

Le foto hanno fatto il giro del mondo e sono state esposte al Museo Whitaker a Rossendale, per una primavera intera (2014), a riprova della credibilità di questo professore, anche se alcuni hanno teorizzato che quelle creature non siano altro che effimere, fotografate in controluce o con il flash, il che avrebbe potuto dare a questi insetti un particolare effetto brillante. Le effimere sono piccole libellule che hanno minuscole zampe ed ali trasparenti, che danzano da millenni alla luce primaverile, proprio come le Fate…

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 5 gennaio 2018

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

1901
02:24
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi