I Quattro Elementi della Natura: Vita, Magia e Quintessenza (Pietra Filosofale)

Sia nel Microcosmo che nel Macrocosmo, ciascuna cosa esistente è costituita da una combinazione di Quattro Elementi naturali (secondo la tabella di Aristotele). Questi Elementi hanno la forma della materia creata: il fluido (Acqua), il gassoso (Aria), il solido (Terra), e l’imponderabile (Fuoco). Terra e Acqua sono pesanti, mentre Aria e Fuoco sono leggeri, e si distinguono anche, secondo l’Alchimia, in Secco, Freddo, Caldo e Umido.

I nostri stessi corpi sono un insieme dei Quattro Elementi, ed ogni Elemento regola determinate parti del nostro corpo: tutti i corpi esistenti sono composti da questi Quattro Elementi per unione e trasmutazione. Quando un corpo viene distrutto con la morte, si dissolve di nuovo nei componenti e ritorna così a vivere, tuttavia non diventa mai sostanza pura, ma anzi sono tutte sostanze mescolate insieme, tra di loro.

I Quattro Elementi sono considerati sia visibili che invisibili, e sia fisici che spirituali. Esiste poi anche un Quinto Elemento (la Quintessenza, o Etere), che sarebbe la forza vitale più pura, la forza vitale dei corpi, e viene aggiunta alla fusione armonica di tutti i Quattro Elementi, che insieme rendono possibile l’esistenza. Gli Elementi sono anche parte integrante di rituali ed incantesimi.

L’energia che manifesta la Natura, attraverso i suoi Quattro Elementi, è alla base delle tradizioni stregonesche. Gli Elementi sono composti da due forze (una attiva positiva, e una passiva negativa), e quando vengono utilizzati in proporzione uguale otteniamo l’elettricità statica, la stessa che si genera quando viene formato il cerchio magico.

In Alchimia, la Quintessenza sarebbe quella che dà origine alla Pietra Filosofale, lo strumento più potente ritenuto dagli Alchimisti, in grado di dare l’onniscenza e la vita eterna, nonché di trasmutare i metalli in oro. Più teorico che pratico, il concetto della Pietra Filosofale si è trasformato in una sorta di leggenda, dato che non è materialmente dimostrato che esistesse realmente, o quantomeno non è mai stato concretamente reso noto, forse un segreto che gli Alchimisti hanno portato nella tomba con sé.

Ad ogni modo, la Quintessenza, chiamata anche Etere dagli Antichi Greci, sarebbe l’Elemento cristallino che costituisce l’Universo e, secondo la Fisica, è quell’energia oscura che permette l’accelerazione (espansione) dell’Universo, una forza fondamentale che regola l’Universo stesso, come la Forza di Gravità. I Greci la rappresentavano come un grosso cristallo dalla forma di un dodecaedro, le cui facce stavano anche ad indicare i 12 Segni dello Zodiaco. Per essi questo cristallo era di appartenenza ad una civiltà superiore, di esseri superiori, forse proprio gli abitanti di Atlantide.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 21 giugno 2017

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

2671
04:00
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi