Pernacchie del papà alla bambina nella pancia… e lei risponde!

Quante di voi mammine avranno fatto questo esperimento? Le mamme lo sanno, che i loro cuccioli possono sentirle, infatti parlano spesso con loro e li coccolano, anche se non capiscono ancora le parole.
Il bambino sente tutto, non solo a livello di sensazioni, sente anche i rumori, improvvisi cambiamenti esterni e di umore della madre, sebbene sia ovattato nel suo mondo, galleggiando in quella liquida culla che sarebbe il liquido amniotico. In quel mondo magico comincia ad assaporare la realtà della vita, a conoscere il mondo reale che ben presto potrà vedere con i suoi occhi.

Tra mamma e bimbo esiste un canale, perlopiù sensoriale, in base al quale essi comunicano, perciò quando sta male il bambino la mamma lo sente e viceversa, si crea un legame simbiotico e si fanno compagnia l’un l’altra, non sentendosi mai soli. Ed è generalmente per questo che di solito si verifica una crisi post-parto, perché quel legame viene spezzato e la madre si sente improvvisamente sola, distrutta dalla separazione, benché non ne sia tante volte cosciente.

In fondo, essi stanno insieme per ben nove mesi, e quell’intensità generata tra i due lascia il passo al vuoto, dopo il parto, un evento che può dirsi traumatico per entrambi, un po’ meno per la madre perché è consapevole della separazione, la quale è obbligatoria, anche se occorre del tempo affinché lei si abitui all’idea, alla sensazione di non essere più direttamente legata alla sua creatura.
Il bambino invece, che non è cosciente di nulla, quando viene “tirato via” dall’utero è assalito dalla paura, non sentendosi più protetto dalla madre, una paura che durante le prime settimane lo accompagnerà piuttosto incisivamente, finché non prenderà coscienza che la vita sulla Terra è una cosa bellissima, con tante cose da scoprire e da imparare.

Questa giovane coppia, in attesa del loro primo figlio, una bambina che al momento del filmato era quasi pronta per venire alla luce, si è divertita a tirarle qualche scherzetto, facendo delle pernacchie sul ventre della madre. Ma, come sembrano divertirsi i genitori, la piccola invece non sembra granché contenta, forse perché disturbata nel suo sonno fantastico, dove tutto è magia, e quindi si agita copiosamente, all’interno del grembo materno.
Pertanto, se può essere una cosa simpatica, per sentirsi più vicini alla propria creatura, sentirla materialmente viva, forse è il caso di evitare, affinché il bimbo sia sereno e tranquillo, soprattutto nelle ultime settimane della sua magica vita, nella pancia della sua mamma.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 19 marzo 2016

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

25617
00:47
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi