Trombe dell’Apocalisse in Messico ★ I 7 Sigilli e l’ira di Dio

In Messico sono chiamate Les trompetas del Apocalipsis, ossia “Le 7 trombe dell’Apocalisse”, poiché si rifanno al Libro dell’Apocalisse, dove sono menzionati suoni profetici che annunciano l’Apocalisse, ovvero l’apertura dei 7 Sigilli che l’apostolo Giovanni ebbe in una sua visione. La rottura di ogni Sigillo è preannunciato da uno squillo di tromba, e corrisponde ad una delle 7 piaghe dell’Umanità.

Ma perché sono sempre 7? Il 7 è un numero ricorrente nel misticismo e nella religione, è considerato numero divino, e non a caso lo ritroviamo in numerose occasioni, anche prettamente umane, come le sette meraviglie del mondo, i sette peccati capitali, i sette giorni della settimana o i sette colori dell’arcobaleno. Il 7 è il numero di Dio, e per molti è considerata la sua firma.

La prima tromba dell’Apocalisse, e dunque l’apertura del primo sigillo, apre le danze iniziando con una pioggia di fuoco e grandine che distruggerà gran parte delle risorse naturali e della flora terrestre. La seconda parla di una grande montagna, probabilmente un asteroide che colpirà la Terra, proprio come accadde all’epoca dell’estinzione dei dinosauri, finendo nei mari ed uccidendo quasi tutta la fauna marina.

Dopo la terza tromba, una stella cadente ardente come una torcia si schianterà avvelenando le acque del nostro pianeta, mentre con la quarta tromba il Sole verrà oscurato, insieme alla Luna, togliendo la luce alla Terra. La quinta tromba segna l’invasione di uno sciame di cavallette mostruose che assaliranno l’uomo e, la sesta tromba, in pratica annuncia la venuta dell’Anticristo, con un esercito di demoni che aggrediranno ed uccideranno quasi tutta l’Umanità.

La settima tromba infine, rappresenta l’ira di Dio, che scenderà attraverso i 7 Angeli che porteranno, appunto, le 7 coppe dell’ira di Dio: esse causeranno morte, distruzione in tutto il pianeta e un terremoto finale di proporzioni bibliche. Insomma, al confronto lo tsunami può essere definito uno zuccherino.

Non ci si stupisce allora, quando si odono determinati suoni, decisamente inusuali, dello scatenarsi di un certo panico tra i fedeli, che credono ciecamente alla Bibbia e ai Vangeli. Tuttavia, questi suoni possono essere provocati da onde elettromagnetiche, dalle vibrazioni della Terra che emette ultrasuoni come se cantasse.

Più nello specifico, questi suoni potrebbero essere prodotti dal campo magnetico terrestre che interagisce con il vento solare, quindi una spiegazione scientifica c’è, e non necessariamente sono presagio apocalittico. Per potersene sincerare, basta vedere cos’accadrà dopo aver udito tali suoni e, in caso, tirare un sospiro di sollievo.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 22 agosto 2016

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

21278
02:35
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi