La prima vera foto che documentò l’esistenza delle Sirene (1865)

Ufficialmente chiamata “La Sirena di Barnum”, fu la prima vera Sirena ad essere stata fotografata e successivamente riprodotta su una locandina, la quale pubblicizzava l’inaugurazione del nuovo Museo di Barnum, nel 1865.

Questa foto è stata ritrovata negli archivi nazionali, nel 2010 quando alcuni ricercatori andarono a scartabellare per trovare immagini e documenti in occasione del bicentenario della nascita di Barnum (1810-1891), laddove si sarebbe svolta una retrospettiva commemorativa di questo rinomato impresario e showman. In realtà non sarebbe l’unica foto, anche se nella maggior parte erano dei falsi, dato che all’epoca erano tanti i laboratori, i teatri ambulanti, i circhi e i musei che mostravano questi fenomeni da baraccone.

Infatti, esistevano proprio dei cacciatori, come potremmo vederli adesso nei film o nei serial Tv, cacciatori di mostri e di creature soprannaturali, che poi venivano venduti a queste strutture per essere esibiti alla gente comune, in spettacoli talvolta eccedenti il pessimo gusto. Questa è proprio la storia della Sirena di Barnum, che l’uomo acquistò a Londra da un circo itinerante, per esibirla nel suo nuovo museo di New York, un museo che non aveva nulla in comune con i musei di oggi, giacché venivano esposte creature viventi il cui aspetto andava al di là della stessa immaginazione.

Per l’evento numerose foto furono scattate, in base ai negativi ritrovati negli archivi, infatti anche gli investitori parteciparono agli scatti con questa Sirena (che somiglia molto, anzi, incredibilmente alle scimmie acquatiche ricostruite dal biologo marino Paul Robertson e il suo team), prima della grande apertura del museo, quando ci sarebbe stata l’inaugurazione, il 15 Luglio 1865.

Tuttavia un fatto curioso ma sospetto avvenne, proprio due giorni prima dell’apertura: l’edificio andò a fuoco e tutto andò distrutto, “mostri” compresi. L’incendio non colpì però solo il museo, anzi fu uno dei peggiori incendi che la storia di New York ricordi (quindi non si può parlare di ipotetico sabotaggio), e ovviamente la tematica “sirena” cadde nell’oblio, insieme al suo esemplare, dato il disastro cittadino che monopolizzò l’attenzione, ma anche perché all’epoca non era un caso così eccezionale da avere priorità assoluta, si credeva all’esistenza delle Sirene e rivederle non sarebbe stata un’opportunità talmente remota.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 23 marzo 2016

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

11052
00:39
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi