Perché si festeggia il 1° Maggio? ★ Storia della Festa dei Lavoratori

★ Significato della Festa del Primo Maggio ★

Il 1° Maggio è una festa universale, come l’8 Marzo, e come l’8 Marzo proviene da un tragico fatto storico, che stavolta vide coinvolti un gruppo di operai di Chicago, che durante una manifestazione intendevano far valere i loro diritti, i diritti del lavoratori, che fino a quel tempo, nel 1886, erano pressoché nulli. Gli operai lavoravano fino a sedici ore ogni giorno, non erano fisicamente tutelati e le condizioni erano seriamente pessime, quasi sfruttati come schiavi o peggio come degli oggetti, le morti sul posto di lavoro non si contavano e le famiglie venivano ridotte sul lastrico.

La manifestazione fu repressa con la violenza e non mancarono vittime, a tal punto che fu rinominata col nome di Massacro di Haymarket (o Rivolta di Haymarket), tuttavia lo spunto per farne nascere una festa, la Festa del Lavoro, fu ripreso tre anni dopo, nel 1889, a Parigi, dove nacque ufficialmente questa celebrazione. Avvenne in occasione di un congresso internazionale, che si svolse proprio nella capitale della Francia, dove si avanzarono varie proposte per migliorare le condizioni dei lavoratori, a partire dall’orario lavorativo che si richiese fosse ridotto ad otto ore. Ci fu uno sciopero generale, come atto di forza, ma anche qui numerosi furono i dissensi, i governi si ribellarono però alla fine, il primo maggio dell’anno seguente diversi Paesi aderirono all’iniziativa, proclamando la festa dei lavoratori.

In Europa e in gran parte del mondo lo è ancora, tranne che negli Stati Uniti, dove viene festeggiata in settembre, nel primo lunedì del mese. In Italia, invece, fu abolita con il Fascismo, o più precisamente fu spostata al 21 aprile (nel 1923), assorbita dalla festività della nascita della capitale italiana, Roma, fondata nel 753 a.C. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la festa dei lavoratori fu ripristinata il 1° maggio, nel 1947, e da allora non è stata più cambiata.

Se andiamo indietro nel tempo, già nel 1855 in Australia era partita la concezione che l’orario quotidiano ideale di lavoro fosse di 8 ore, ed infatti è proprio lì che nacque la convinzione che una giornata dovesse essere divisa in tre parti: 8 ore di lavoro, 8 ore per se stessi ed 8 ore per il riposo. La battaglia per i diritti dei lavoratori iniziò proprio in Australia, ma ebbe sicuramente meno ripercussioni, essendo un movimento abbastanza pacifico che non fu represso con il sangue.

Oggi la Festa del Lavoro non è più un’occasione in cui far valere i propri diritti, anche con la forza, poiché fortunatamente i tempi sono cambiati, è perlopiù un simbolo e un giorno della memoria, in cui ci si riposa, ci si diverte e ci si ricorda. A Roma, ad esempio, leggendario è diventato il Concerto del Primo Maggio, indetto dai sindacati e le associazioni che tutelano la classe lavoratrice, i quali ogni anno organizzano una manifestazione canora rivolta prevalentemente ai giovani, che sono il futuro della nostra società, e in qualche modo devono essere educati e resi partecipi delle drammatiche radici storiche che hanno formato il nostro tempo.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 30 aprile 2018

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

805
00:36
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi