Segreti NASA scoperti dagli hacker, le foto inedite e nascoste

Come è accaduto in Unione Sovietica, anche negli Stati Uniti un sacco di documenti secretati sono stati resi di dominio pubblico, grazie ad alcune nuove leggi varate dal Governo, a tal punto che sono nate trasmissioni televisive che parlano esclusivamente di questo, di X-files americani che racchiudono fenomeni di varia natura soprannaturale, e che erano stati mantenuti segreti per una questione di sicurezza nazionale. O almeno così dicono.

Naturalmente si tratterà soltanto di una parte, i documenti più critici saranno senza dubbio ancora blindati, a dir poco, e questo perché in effetti la popolazione mondiale non è del tutto pronta a sapere, soprattutto le persone eccessivamente sensibili e suggestionabili che potrebbero scatenare un panico di massa senza pari. Perciò, in fondo, ogni Governo ha le sue ragioni, in quanto non si parla soltanto dell’America, essendo fenomeni che si manifestano su larga scala, in ogni parte del mondo, ed ogni Paese avrà la sua porzione di grattacapi da risolvere, nella piena responsabilità dei propri cittadini.

Ma, prima che ciò avvenisse, innumerevoli sono stati i tentativi di violare i sistemi di sicurezza governativi, da parte degli hacker (=pirata informatico) per cercare di carpire qualcuno di questi preziosi e importantissimi segreti, persone curiose e non propriamente rette, che hanno fatto sì che notizie occultatissime arrivassero alla luce del mondo. Notizie ma soprattutto immagini, anche di un passato abbastanza remoto.

Nel filmato troverete alcune di queste immagini inedite, nascoste, mai mostrate in quanto facenti parte dei documenti Top Secret della NASA, soprattutto in merito a strani fenomeni inspiegabili, su argomenti come gli UFO, missioni spaziali, esperimenti e ritrovamenti, avvistamenti, insomma tutto quello che da un secolo a questa parte, o forse più, è stato celato come segreto militare.

Purtroppo, molte di queste immagini saranno per noi nuove, impossibili da contestualizzare, altre saranno del tutto inspiegabili, essendo hackerate ed ovviamente prive di didascalie. Possiamo andare ad intuito, osservarle bene e magari ci verrà l’intuizione, giacché parecchie notizie, sfuggite al controllo dei servizi segreti americani, sono comunque giunte a noi, e quindi adesso possiamo sicuramente effettuare analogie, svelare qualche mistero che volevamo conoscere.

Il realizzatore del video, alla fine, informa di essere entrato in possesso di queste foto attraverso una sua insegnante, ironizzando che, probabilmente, è proprio lei l’hacker rivelatore. Ci auguriamo di no, perché il passo è breve per passare al ruolo di traditore della patria…

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 3 marzo 2017

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

2744
04:29
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi