La tigre che dorme nel lettone col suo amico umano, magico gattone del buongiorno

Quando si salva un animale selvatico, se si vive in un’abitazione normale arriva un giorno in cui purtroppo è necessario separarsene, non essendo un luogo adatto per ospitarlo, considerando inoltre che la natura aggressiva che si risveglia diventa un pericolo per gli abitanti della casa, in special modo se ci vivono bambini. Quindi viene ceduto ad uno zoo o, se si è più fortunati, si può affidare ad una struttura apposita che può ospitarlo e reintegrarlo pian piano nel suo ambiente naturale.

In verità, sarebbe da farlo immediatamente, soprattutto quando si parla di grossi felini, dato che crescerlo in famiglia, senza alcun contatto con i suoi simili non aiuta l’animale a definire la sua reale identità, perciò anche se sono dei bei cuccioloni che fanno tanta tenerezza e il desiderio è forte, di tenerli con sé, è sempre preferibile cederli a chi sa occuparsene, sistemandoli in una riserva dove l’animale avrà tutto quello di cui ha bisogno. In queste strutture infatti, che sono ottimamente attrezzate, si segue la natura dell’animale e gli si fornisce il sostentamento adeguato, anche a livello medico, grazie ad una equipe di veterinari che lo visita abitualmente e lo cura in caso di necessità.

Immaginiamo ad esempio se la tigre che abbiamo salvato venga colpita da un male improvviso, come si farà a curarla? Un classico veterinario sicuramente si rifiuterà, specialmente se l’animale è abbastanza cresciuto e quindi potenzialmente pericoloso, pertanto la sua vita in un ambiente domestico rappresenta sempre un rischio, più che se si ritrovasse nel suo ambiente naturale.

Ben diverso invece se diventa uno stile di vita, se si decide di votare la propria vita alla cura e alla convivenza con gli animali selvatici, munendosi di una preparazione idonea per affrontare quel tipo di vita, sia a livello logistico che specialistico. È il caso di Michael Jamison, che intorno alla sua abitazione in Africa ha costruito una vera e propria riserva, ed ospita animali selvatici di ogni specie, oltre ai suoi amatissimi cani.

Questa tigre gli è particolarmente amica, perché non solo dorme sul letto insieme a lui, gli fa addirittura le fusa quando lui la accarezza e l’abbraccia. Un gattone enorme! Vedeste comunque come ha ridotto il letto, e noi che ci lamentiamo dei nostri mici che ci devastano i nostri divani a suon di graffi.

Nel filmato viene mostrata una mattinata tipica in cui la tigre, che si chiama Enzo, si distende sul letto per augurargli il suo buongiorno. Ad ogni modo, non si tratta di una tigre tenuta reclusa e soffocata nella sua natura, perché l’animale vive libero intorno alla casa, insieme ai suoi simili, ed ogni tanto gli piace salir su a farsi fare due coccole.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 7 settembre 2016

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

5122
02:00
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi