Parto di un Labrador, il cane più dolce che esista

Recentemente abbiamo visto il parto di un cocker, anche di un gatto e di un asinello, e se il “procedimento” è lo stesso, ogni nascita è un evento unico al mondo. Il parto di un Labrador, però, è qualcosa di veramente tenero, proprio per la natura speciale di questo straordinario animale, uno dei cani più diffusi al mondo.

Il Labrador, o più precisamente il Labrador Retriever, appartiene ad una razza dolcissima di cane, per niente aggressivo e per questo molto indicato per le famiglie, per stare a contatto con i bambini, essendo inoltre un gran giocherellone. È un mangione, addirittura insaziabile, e quindi tende ad ingrassare facilmente, se non controllato nell’alimentazione: in casi estremi, può anche essere affetto da diabete. È un cane abbastanza delicato perciò bisogna fare debita attenzione.

Socievoli, superbamente mansueti e molto intelligenti, in passato questi cani venivano utilizzati dai cacciatori come cani da riporto nelle paludi, o dai pescatori, poiché andavano a recuperare le reti o gli attrezzi che cadevano in acqua. Oggi, invece, seppure abbiano conservato le loro speciali qualità, tanto da essere utilizzati dal Soccorso Alpino e la Protezione Civile, sono perlopiù tenuti come cani da compagnia, estremamente speciali perché riescono a “comunicare” con i loro genitori adottivi (umani).

Originari del Canada (Penisola del Labrador), la loro caratteristica principale è la zampa palmata e il pelo impermeabile, sono ottimi nuotatori e per tale ragione sono maggiormente utili per i soccorsi in acqua, tuttavia sono notevolmente versatili perché portati a qualsiasi sorta di attività, anche come guida per ciechi. Il Labrador è una razza molto selettiva, infatti può avere solo tre colori (a tinta unita o leggermente sfumati): nero, cioccolato e champagne.

La cucciolata, però, non è mai garantita nel colore, nel senso che da mamma e papà color champagne (miele) possono anche nascere cuccioli marroni o neri, e la cagnetta può partorire fino a 7/8 cuccioli. Non dipende dal colore dei genitori bensì dalla linea genetica dell’animale.

Originariamente il Labrador era color champagne, ma nei primi del ‘900 si partì con vari incroci per dar vita ad altre colorazioni del manto. Il Labrador è parente stretto del Terranova, sono provenienti dalla stessa genesi: ciò che li distingue principalmente è la lunghezza del pelo, dato che hanno diverse caratteristiche in comune.

Come detto all’inizio il Labrador è un cane piuttosto delicato, quindi bisogna stare attenti in maggior modo alla sua nascita. Come vedrete nel filmato, infatti, il cane ha partorito il suo primo cucciolo in giardino, ma è stato portato subito al riparo, dentro casa affinché ne sia assicurata la buona sopravvivenza e dunque la buona salute. Ovviamente la mamma dev’essere avvisata e condotta insieme al cucciolo, poiché sebbene sia un cane intelligentissimo e fiducioso, può anche verificarsi un rigetto per il piccolo, e ciò comprometterebbe seriamente la sua esistenza.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 28 novembre 2016

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

19884
03:23
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi