La Roccia Viva

Dal di fuori non sembra un granché, anzi, potreste passarle tranquillamente da vicino senza notarla, oppure addirittura nel bel mezzo di una colonia e pensare che non siano molto più che semplici rocce sulla spiaggia. Ma, se putacaso vi saltasse in mente di tagliarla a metà, vi sembrerà di aver scoperto un vero alieno dall’aspetto decisamente bizzarro.

La Pyura chilensis, popolarmente conosciuta come la “Roccia viva”, è in realtà uno strano organismo marino che vive sulle coste rocciose del Cile e del Perù. Si nutre inalando l’acqua di mare e filtrando le microalghe commestibili, attraverso un paio di organi simili a due sifoni.

Il suo sangue è chiaro e può accumulare grandi quantità di un elemento molto raro, il vanadio, che in Natura si trova sotto forma di minerale e quindi solida. Raro in Natura, il vanadio è ultrapresente nei tessuti del corpo umano, ed è necessario per lo sviluppo dei denti, delle ossa e della cartilagine in generale. Secondo alcuni test scientifici si è stabilito che la Pyura chilensis contenga una quantità di vanadio superiore di 10 milioni di volte a quella contenuta nell’acqua di mare circostante, benché il suo ruolo nell’ecosistema marino sia ancora sconosciuto.

La creatura nasce maschio, poi con il tempo sviluppa anche gli organi femminili. Quando è il tempo di riprodursi, rilascia le uova fecondandole da sola, attraverso i fluidi maschili che essa stessa produce. Le uova fecondate rilasciate, si trasformano successivamente in baby-rocce che si depositano sulle rocce vicino, crescendo fino all’età adulta.

Questo metodo di riproduzione è molto singolare e davvero affascinante, tuttavia non è nulla, perché se doveste tagliare a metà una di queste rocce vive, lo spettacolo a cui assisterete vi sbalordirà senz’altro, poiché se all’esterno il tessuto è roccioso e pressoché inanimato, all’interno si trova una massa di tessuto rosso brillante e pulsante, forse il cuore di questo stranissimo animale. Non tutti la conoscono, infatti non è raro che qualcuno la scambi per un alieno o giù di lì.

Essendo una specie notevolmente prolifera, dato che può riprodursi da sola, il suo consumo come cibo è abbastanza elevato, anche per l’alta concentrazione di iodio e quel forte sapore di iodio che rilascia. In realtà, quel sapore è prodotto dal vanadio, che oltretutto fa molto bene all’organismo, può curare numerose patologie fisiche ed anche psichiche, come la depressione.

Insomma è un animale magico in ogni senso, sia per la fattura che per i benefici che porta, anche se francamente considerare un animale come semplice cibo non è tanto corretto, sebbene sia questa la Natura, e la catena alimentare che ha disegnato e organizzato per la sopravvivenza di tutte le specie.

★ Testi originali di Video&Magie ©, data 17 dicembre 2015

★ Guarda il Video su YouTube (di proprietà del Canale associato): ★

8945
02:47
Link utili:
loading...

Lascia un commento

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Video&Magie utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi